Percorsi

Rubrica “Percorsi” – A cura di Giuseppe Candita

Ok, questa rubrica si chiamerà Percorsi.

Sarà un viaggio in cui proveremo a non avere punti partenza e di arrivo specifici, godendoci appunto il percorso che c’è di mezzo.

Viaggi improvvisati che una volta ci porteranno al Red Lights District di Amsterdam e quella dopo agli Uffizi di Firenze e come tutti i viaggi improvvisati che si rispettino non sapremo quando sarà il momento di partire, faremo una valigia di fretta e ce lo godremo (si spera che ogni viaggio sia low cost).

Gli argomenti? Quanta è grande la differenza tra gli Uffizi e il Red Lights District?Qualcuno potrebbe dire che si parla in ambedue i casi di arte, impegno verso una causa e (purtroppo) un modo per far soldi: sì, gli argomenti saranno tra i più svariati appunto con un probabile filo conduttore tra essi.

Ma perché questa cosa sgangherata?Mi piaceva scrivere ed ero sempre confinato dalla traccia del tema o sul ritratto di una persona (scrivere ritratti, sì), poi ho smesso su entrambi i fronti, l’università che frequento non prevede l’uso della scrittura e della creatività in generale e quindi ne è venuto fuori qualcosa di scritto ed il più creativo possibile (spero). Ne saprò meno di tutti su molti argomenti: il primo obiettivo allora non è informare, ma intrattenere e provare a coinvolgere.

 

Premessa: l’intenzione della rubrica è un viaggio senza meta definita, pertanto eventuali “cadute” di stile sono volute, seguendo quella famosa storia di “Forma e contenuto”, perché l’intenzione della rubrica è affrontare un viaggio piacevole e leggero. Per far fede all’ideale di leggerezza in questo viaggio nell’ideologico e nel contemporaneo sarà lasciato poco spazio alle prove scientifiche, volendo intenzionalmente stimolare il dialogo con gli eventuali lettori.

Bianche parole di Giuseppe Candita

YvCL2WVl

Per la lettura si consiglia l’ascolto di Mistaman, Parole.

Quando sono iniziate le interazioni sociali? Quanti anni fa? Credo tanti tanti tanti. Dapprima si è sviluppato il linguaggio, esso ci accomuna con gli animali, ma poi l’uomo ha sviluppato la parola e dagli altri animali si è distinto. La parola è esclusiva umana perché dall’uomo è stata ideata, quindi per essere precisi la discriminante uomo – animale non è la parola, bensì i sentimenti. Io non ho un animale domestico, ma studi di psicologia sperimentale (scientifica) affermano che gli animali non provano sentimenti (basta pensare agli ormoni ossitocina ed ADH che nell’uomo esprimono l’affetto e poi l’innamoramento, mentre negli animali sono coinvolti nel mero accoppiamento e poi al massimo nelle cure parentali).

Continua a leggere…

Sui generi ̶s̶  di Giuseppe Candita

Giuseppe Cosa si intende per genere? Come riporta il vocabolario Treccani è un termine che comprende più specie o rappresenta loro tratti comuni. In linguistica italiana distinguiamo genere maschile e femminile nell’analisi grammaticale, mentre in altre lingue – vedi il latino – ne troviamo un terzo: genere neutro. Nelle scienze sociali il genere è inteso come termine che si riferisce alla gamma di caratteristiche inerenti ai concetti di mascolinità e femminilità però variabili a seconda del contesto storico-sociale.

Continua a leggere…

Svegliam o sì di Giuseppe Candita

cane-di-pavlov-e-misofoniaLa Scienza di qualunque tipo da sempre ha bisogno di sperimentare; il modus operandi di ogni scienza impone la formulazione di un’ipotesi (che con solo formulazioni teoriche valide può diventare teoria), attuazione di prove e controprove su questa e se e solo se le prove sperimentali la confermano, l’ipotesi può finalmente uscire dallo stato di crisalide e diventare legge. Usare come sinonimi ipotesi e teoria è sbagliato (potrei ipotizzare che il giallo sia rosa, ma non teorizzarlo), mentre un peccato veniale è accomunare legge e teoria, che soprattutto in matematica sono considerate quasi allo stesso livello.

Continua a leggere…

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *