Attualità,  Politica,  Territorio

Oltre il giorno dopo

Mentre scrivo sono in un regionale veloce che mi porta da Taranto a Bari. Poi da lì una freccia sarà scoccata dall’arco della modernità in direzione Bologna.

È chiaro fin da qui la metafora: la velocità di chi avanza – sempre e comunque – senza realizzare di perdere pezzi di sé.

È il giorno dopo le elezioni e molti sono indignati, delusi e alcuni preoccupati: qualcuno è così straziato da non capire questo risultato. Sarò sincero: io odio chi non vuole capire. Se il mondo esiste e sulla terra gli uomini possono pensare e quindi scegliere, allora ogni azione, ogni realtà fattuale nascerà da un ragionamento, seppur flebile, su come trasformare l’idea in cemento.

Perciò dovremmo dire: “provo a capire perché” invece che “non capisco come”. Riguardo la nostra condizione di povero (di idee) Paese in balia dell’apparente ingovernabilità e preoccupato dal giudizio dei mercati finanziari, occorre lucidità. Non è inutile ricordare che un partito riceve voti non dal Cielo, ma dalla Terra. Nel nostro caso particolare (democrazia rappresentativa) poi, i cittadini eleggono i loro rappresentanti (che lavorano per l’interesse nazionale, non di una parte) ponendo un segno sulla scheda.

Per ricondurci al perché potremmo immaginare che il corpo (passioni, odi, bollette e supermercati) di queste persone sia l’Essere e l’anima (ansia del futuro, sogni, progetti e tassi di interesse sul prestito) il Dover essere.

Quella che, secondo me, dovremmo coltivare è la riflessione (tempo, logica e dialettica) sulla comunità che vorremmo abitare – dal latino re-flectere, volgendo indietro la mente per comprendere).

In conclusione quello che manca a un cittadino non è il futuro, tant’è che domani scriveremo un’altra riga delle nostre storie, ma l’Idea di un futuro: la nostra proiezione nella vita più prossima, il Dover essere.
È urgente, quindi, costruire una Filosofia: pensare e utilizzare dei mezzi (di cui oggi disponiamo in abbondanza) per ottenere un fine.
È altrettanto necessaria la Politica: concepire una progettualità per il futuro di una comunità.
Ho maturato questa breve considerazione sulle elezioni politiche attraverso il dialogo e anche il conflitto che nasce quando opinioni divergenti di professori, operai, imprenditori, studenti, dipendenti si incontrano.
 

Francesco Caiazzo

Studente di Storia, Università di Bologna, Pugliese.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *